Necropoli di Cuma

temp

Necropoli di Cappella

Nel cuore dell’antico borgo di Cappella sotto la piazza dedicata al poeta Michele Sovente, si trova la necropoli di Cappella. Venuta alla luce nel 2002, in seguito ai lavori di riassetto urbano, la necropoli custodiva le spoglie dei marinai appartenuti alla Praetoria Classis Misenensis, la flotta Imperiale romana di stanza nella vicino  Miseno. Durante gli scavi qui fu ritrovata un’epigrafe: si tratta di una dedica fatta da Lucius Vibus Valens sottufficiale della triremi del capricorno a Tiberius Claudius Phoebus un marinaio semplice della trireme Virtus  il quale , non avendo parenti, nominò erede il suo superiore. Un’ iscrizione  che fornisce informazioni preziose sulla storia di questo sito e della flotta che ha accolto. 

La necropoli è divisa al suo interno da diversi ambienti nei quali sono allineate decine di nicchie mentre nella parte centrale, di fronte all’ingresso, vi è un’edicola sormontata da un frontone. Il monumento è  caratterizzato dalla presenza di due affreschi: il primo rappresenta una fanciulla dai lunghi capelli  con in mano un tirso (bastone decorato con tralci d’uva) e dall’altra una coppa di vino, probabilmente una Menade adepta del dio Dioniso ; il secondo raffigura  Iside/Selene, la dea dal volto pallido con una mezza luna sul capo, protettrice delle flotte e  dei lunghi viaggi. Sia il culto di Dioniso che quello di Iside erano molto popolari negli ambienti militari in età Imperiale. 

Tra la fine del I e l’inizio del II secolo cambiano i riti di sepoltura: i morti non sono più cremati ma inumati direttamente nella terra, così si riempiono gli spazi liberi della vecchia necropoli e si realizzano nuovi edifici funebri al di sopra di essi, oggi in parte visibili.  Tra questi resti fu ritrovato uno scheletro con in bocca una moneta: l’ “obolo di Caronte”, utilizzato dal  defunto per  pagarsi il viaggio nell’Aldilà, unica residua  concessione al paganesimo .

La straordinarietà di questo piccolo monumento è data dalla capacità di racchiudere in pochi metri usi, credenze e riti di popoli diversi che qui hanno vissuto. 

Contattaci, per avere informazioni.

Costi dei biglietti, modalità e orari di accesso ed eventi nei luoghi della storia del nostro paese...
Parco Archeologico Campi Flegrei: